Benvenuto! Accedi o registrati.
Dicembre 12, 2018, 05:53:19

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Welcome to the Forum of Martial Arts
Register  in order to become an active member of the forum. Dont just stay there and look....register now !!
HAVE FUN
1154007 Messaggi in 47499 Discussioni da 34354 utenti
Ultimo utente: LandoGrifo
Ricerca:     Ricerca avanzata
+  The Forum of Martial Arts
|-+  Karate
| |-+  Kata (Moderatori: Luisa Arrabito, Wolf, KuD)
| | |-+  La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« precedente successivo »
Pagine: 1 2 [3] Stampa
Autore Discussione: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile  (Letto 10231 volte)
Maurizio Orfei
Utente appena iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 68



WWW
Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #30 inserita:: Novembre 21, 2009, 19:04:47 »

Ciao a tutti,
forse  l'argomento può sembrare ozioso...e lo è...in senso etimologico. Nei momenti di ozio, cioè di mancanza di attività fisica che nel nostro caso è quella sul tatami, il cervello si permette delle elucubrazioni su quello che si fa con il corpo.
In effetti in pensiero non pensa se stesso ma le azioni del corpo: parlare, mangiare, combattere...Se tenta di pensare al pensiero, al massimo pensa ad una "testa" che pensa...

Quindi, il buon KohaiAds ci ha dato "oziosamente" informazioni e degli elementi di ulteriore ragionamento...sempre "ozioso" in quanto se avessi qualche cosa da fare...non stare ad oziare davanti al computer.

La postura più vicina al Sanchin che paratico nei miei kata è Seishan Dachi dall'omonimo kata. Anche nel Wadoryu riveste una notevole importanza nella forma Tate. Per costruirla basta ruotare di 90° dalla parte della gamba arretrata e avremmo un Zenkutsu dachi un pò più corto con la punta del piede anteriore che va verso l'interno, praticamente indirizzata verso il nostro avversario.
Questa postura diventa quasi naturale e spesso, anche arbitrariamente, sostituisce il nostro zenkutsu (junzuki) dachi creando dei problemi, non ai praticanti che l'hanno assimilata, ma agli arbitri nelle gare di kata.
Viene identificata da qualche maestro di wado come l'equivalente di Fudo dachi, la postura consolidata, e ritengo neanche a torto in quanto quel piede verso l'interno allineato al tallone del piede arretrato costringe i muscoli delle gambe e dell'addome a contrarsi, leggermente, e "consolidare" verso l'interno il Ki, giusto all'altezza del tandem proiettandolo verso l'avversario.

Gli arbitri che conoscono poco le dinamiche Wado penalizzano i passaggi dei kata che prevedono negli altri stili il più ampio e anche più bello Zenkutsu. Ad esempio proprio nel Seishan, kata fondamentale, dopo la parte lenta in cui si esegue tutto in Yoko Seishan, la parte veloce propone il Tate Seishan che confrontandolo con lo Zenkutsu dello Shoto in questo passaggio del loro Hangetsu, risulta una postura "bruttina"...

Tate Seishan diventa quindi una postura "qualificante" il wado nei suoi figthing concepts la cui giustificazione risale alla contaminazioni di jujtsu: se scivolo in avanti, devio un attacco anticipandolo e la postura mi consente di lanciare una tecnica  con lo stesso braccio e concludere con Giakuzuki (sto semplificando in un esempio); se scivolo all'indietro ... è la stessa cosa!

Un abbraccio, 

 
Registrato

Maurizio Orfei
rikisei
Utente Jr.
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 323


forza e serenità


Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #31 inserita:: Novembre 22, 2009, 01:08:33 »


ciao maurizio

Citazione
Secondo voi, esiste un Dachi, una postura che qualifica lo stile che praticate?


secondo me , no! almeno nel karate no

poi oggi come oggi (evoluzione) se talunno maestro (avendo requisiti e capacita intuitive sopra la norma)

vuole trasformare il karate (prevalemntemente lancio degli arti 70%) in qualcosa di diverso ,e possibile che convenga adottare posizioni precise per esprimere e rendere efficace la tecnica (vedesi sankakudai nell'aikido)

Citazione
Chi ci dice qualcosa sullo Shito?


avendo come base tecnica,nahate shurite e tomari  non penso che lo shitoryu  non abbia  o debba avere qualche posizione  peculiare di stile 

e se ci potrebbe essere, non potrebbe  che essere ,shiko dachi ,pero ne dubito (mi informero)

concludendo ,penso ,che le posioni nello shitoryu, esprimono requisiti  piu naturali posibili al nostro corpo

senza forzature ulteriori

in maniera che ,si  è  piu diretti (veloci) possibili all'occorenza


Registrato

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Maurizio Orfei
Utente appena iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 68



WWW
Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #32 inserita:: Novembre 23, 2009, 13:32:25 »

Ciao a tutti,

La postura "qualificante" che qualifica uno stile non è ovviamente una postura-dachi sic et simpliciter.

Se cosi fosse ognuno di noi praticherebbe lo stile del "neko ashi" dello "shiki dachi" e cosi via.

Il karate come lo conosciamo, cioè di derivazione okinawense, nasce ad opera di pochi codificatori che avevano esigenze diverse e particolari: militari, di fitness, estetiche, di spettacolo, per affermare una tradizione e altre sfumature.

Il karate è diviso in pochi stili mondiali, quelli riconosciuti dal goveno giapponese nel 1942 e altri che pur non avendo quello status, vengono comunque insegnati e praticati. Includo in questa casisitica anche gli stili cinesi, semplificando.
Gli stili "ufficiali" si sono diversificati per il corpus tecnico che presentarono per il riconoscimento e, se pur avevano delle similitudini, vennero riconosciuti come differenti dalla commissione  di esperti nipponici.
Noi possiamo cercare di fare il percorso a ritroso: dalle tecniche che quotidianamente utiliziamo in palestra possiamo cercare di ricostruire la struttura strategica e tattica che i fondatori avevano individuato nel periodo della genesi dello stile.

Ad esempio nel Wado, Otsuka diceva che quello che noi chiamiamo Shiko Dachi era una postura derivata dal Sumo e si chiamava Shimata Dachi e serviva per praticare appunto la lotta. Il Naihanchi dachi era la postura di chi voleva praticare il karate.

Negli interventi scritti ci sono molti spunti di riflessione che derivano dalle sensazioni che la pratica ha suscitato negli scriventi.
...Si "sente" che in quella postura si fa meglio il karate che pratico... e da questo approccio può partire l'analisi dei movimenti e del modo di esegure i kata per arrivare al concetto di combattimento che li descrive.

Personalmente oltre a questo aspetto, ho avvertito l'esigenza di capire da un punto di vista storico che "cosa" stessi praticando e che tanto tempo e denaro mi ha impegnato.

Un abbraccio,
Registrato

Maurizio Orfei
NINJAFOREVER
Utente appena iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 159


Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #33 inserita:: Luglio 24, 2017, 09:29:06 »

[quote author=Maurizio Orfei link=topic=47846.msg1154052801#msg1154052801 date=1258

Ad esempio, Zenkutsu dachi che esprime oltre alla postura un atteggimento, è stato ribbattezzato per utilizzarlo nel wado Junzuki dachi. Ovviamente dietro al cambio del nome c'è una concezione diversa della sua funzione.

Un abbraccio
[/quote]
Potresti spiegare questa concezione diversa?
Registrato
NINJAFOREVER
Utente appena iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 159


Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #34 inserita:: Luglio 24, 2017, 09:30:31 »

tornando serissimi per mezzo secondo
(poi torno nella botola di lost)

facendo diverse esperienze in Difesa Personale
ho riscoperto tutto il valore di
Neko ashi
e soprattutto
Kosa Dachi
Fai qualche esempio per favore sopratutto di ko sa dachi.
Registrato
NINJAFOREVER
Utente appena iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 159


Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #35 inserita:: Luglio 24, 2017, 09:32:35 »

mah...kokutsu è una posizione essenzialmente da kata e deriva dal neko ashi.
 


scusa ma non sono d'accordo
kokutsu dachi è una posizione utilissima in difesa personale
ma tanto tanto tanto
Facci qualche esempio, in termini di combattimento!
Registrato
MMAmedeo
Utente non iscritto
Re: La postura "qualificante" e peculiare di uno stile
« Risposta #36 inserita:: Luglio 24, 2017, 11:31:28 »

Sono passati otto anni Ninja, la quasi totalità degli utenti della discussione, tra cui giogio che hai quotato e che si è addirittura cancellato, non scrivono più da tempo. Meglio, direi, viste le stupidaggini scritte da alcuni karateka. idiot2
Registrato
Pagine: 1 2 [3] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Powered by SMF | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC         Privacy Design by Netboom - Bari -